Poesia – Agiografia

Io ti rimiro piccola chiesina,
sotto la luce di novelli estati,
sotto la volta chiara ed azzurrina!

Quanti fedeli hai visto tu arrivare,
col capo intriso di segreto affanno,
inginocchiati ai piedi del tuo altare?

Che dicon le tue pietre millenarie;
il chiaccherio del rivo a te vicino,
e le tue panche rose dalla carie?

I Santi immoti sul vetusto muro,
col lor sorriso lieve e quasi stanco,
lo sguardo volto al ciel umile e puro?

Non li strugge la febbre della vita,
non la fiamma di torride passioni,
lì nel silenzio della chiesa antica.

Solo li sfiora il bisbiglio del vento,
o la goccia di piova fra le crepe,
l’ora che passa col suo ritmo lento.

Lì nel silenzio della chiesa antica,
si perde la mia voce sospirante,
a poco a poco vien la pace amica,

Rosseggia la lampada votiva,
nella cheta penombra dell’altare,
come la fede mia che si fa viva.

Cora

Mi te rimiri piccola gesiorina
in de la lus, che ogni estaà el pizza,
la in su la volta alta e celestina.

Tanta gent devota te vist rivà,
nascost nel coeur gh’aven i tribuleri,
ai pee del to altar ingenuggiaa.

Se disen i to prej che i ann han lissa’,
el cicciarà del foss ch’el passa lì de fianch,
i to banchett de legn, dur, tutt cajrolaà?

I sant, fermi sul mur vecc, picciuraà,
ormai stracch, soriden legerment
sfioren el tecc con i oeucc al ciel revoltà?

La fever de viv i a consuma minga,
ne la fiamma de la passion pussee violenta,
se perd el silenzi denter el scur de la gesa antiga.

Se sent domà el boff del vent,
la gotta che pioeuv in mezz de i crepp,
l’ora che batt cont l’antigh acent

Li ne la quiett de la veggia gesa
se desperd la mia vous cont on suspir
a pocch, a pocch la ven la pas amisa

El lampedari el sbarlusiss,
ne’ la ombrosa quiett de l’altar,
el me spirit come el lum s’ciariss.

(Traduzione di Ambrogio Farina)