Passio Sancti Mametis – Agiografia

Passio Sancti Mametis

In Cesarea Cappadocie tempore Aureliani imperatoris erat sanctus Mames annorum duodecim, cuius parentes christiani. Hic non volens videre ydola, derelictis omnibus rebus, tamen accepit pecora. Et ivit ad silvam magnam montis serviens Deo pascebatur lacte. Facta de celo voce, descendit ad campum, et ibi invenit virgam et Evangelium. Et facta est vox, ut ascenderet et in montem faceret sibi domum. Hec cum fecisset ibi et altare fecit et legebat in evangelio. Et ecce omnia silvestria animalia veniebant prona ante eum. Et accepta eius benedictione, mares recedebant, et femine morabantur, quas mungebat, et facebat caseum. (Et Dominus apparuit ei dicens, ut ad portam urbis daret pauperibus caseum). Tunc accusatus est Alexandro praesidi, quod Mames maleficaret bestias. Ipse missit ei in monte duos milites, ut ducerent eum. Sanctus Mames optime accepit eos, et dedit eis caseum et aquam. Tunc ipso evangelium legente, venerunt omnes bestie. Ipsi duo milites fugierunt ad sanctum Mametem. Tunc dixerunt: “Si vis veni nobiscum, si non vis, non venies”. Tunc leo est a Deo sibi missus ad devorandum incredulos. Cui sanctus Mames: “Vade, et cum ero in palatio ad martirium venies tunc mihi”. Tunc duo iam dicti milites ceciderunt ad pedes eius orantes eum. Et dixerunt ad praesidem omne bonum de sancto Mamete. Tunc praeses non credens diu est locutus cum sancto Mamete. Idem fecit eum suspendi et torqueri, sanctus Mames celum aspiciebat. Et facta est vox ad eum de celo quam multi audierunt. Tunc positus est in carcerem, ubi erant quadraginta homines, qui fame cruciabantur, pro quibus oravit. Et ecce columba venit portans mel et lac, et ipse cum omnibus manducavit. Tunc nocte omnes fugierunt, praeter sanctus Mames. Tunc praeses multa dixit ad sanctum Mametem. Tunc missus est in fornacem, ubi stetit diebus quinque, et nil eum nocuit. Sed eum angelus loquebatur, angeli secum erant. Postea praeses cum sancto Mamete multa est locutus. Ductus est sanctus Mames ad feras, et ursa sevissima eum adoravit. Et parda lingua extergebat sudorem sancti Mametis. Tunc ille leo de quo supra dictum est, venit per civitatem ad auxilium sancti. Et interfecit multitudinem paganorum in palatio. Et locutus est leo cum sancto Mamete, et eius licentia recessit ille leo. Tunc post dies viginti, ceperunt alium leonem, ut devoraret sanctum Mametem. Ductus est in stadio, sanctus Mames orabat Deum. Leo pronus cecidit ad pedes sancti, et lambebat pedes eius. Tunc populi dicentes, quod magnus esset sanctus Mames, lapidaverunt eum et habierunt. Cum sanctus esset lapidibus cohopertus, inde secessit inlesus. Et angeli venerunt congaudentes eum. Ipse dixit: “Domine, ne statuas eis secundum ea que intulerunt mihi, sed respice animam meam in pace”. Et migravit ad Dominum. Christiani sepelierunt eum. Passus est die quindecimo ante kl. septembris, regnante Domino nostro.

(Fonte: Liber notizie, a cura di M. Magistretti e U. Monneret de Villard, 1917, par. 259)

La Passione di San Mamete

Al tempo dell’imperatore Aureliano, a Cesarea di Cappadocia viveva santamente un ragazzo di dodici anni, di nome Mamete, figlio di genitori cristiani. Non volendo neppure vedere gli idoli, abbandonata ogni cosa, egli prese con sé alcune pecore e si ritirò in montagna presso una grande foresta, servendo Dio e nutrendosi di latte. Udita una voce dal cielo, discese verso la pianura, dove trovò un bastone e un Vangelo. La voce gli ordinò di salire e di costruirle una casa sul monte. Mamete obbedì, eresse un altare e si mise a leggere il Vangelo. Ed ecco, tutti gli animali della foresta gli si presentarono dinanzi in atteggiamento di sottomissione. Ricevuta la sua benedizione, i maschi si allontanavano, mentre le femmine rimanevano. Egli le mungeva e preparava del formaggio. (Il Signore apparve dicendogli di distribuire quel formaggio ai poveri, presso la porta della città.) Allora Mamete fu accusato dal governatore Alessandro di fare del male alle bestie e fu rimandato sul monte in compagnia di due soldati. San Mamete, felice di ospitarli, offrì loro formaggio e acqua. Mentre stava leggendo il Vangelo, giunsero tutte le bestie. I due soldati corsero spaventati da san Mamete e gli dissero: “Se vuoi, vieni con noi, se non vuoi, non venire”. Allora Dio mandò da lui un leone per divorare gli increduli. Ma san Mamete disse all’animale: “Va’, e quando starò per essere martirizzato nel palazzo, allora verrai in mio soccorso”. I soldati si prostrarono ai piedi del santo, in preghiera; quindi, tornati dal governatore, dissero ogni bene di san Mamete. Allora il governatore, dubitando di quel racconto, parlò a lungo col Santo, e poi lo fece appendere e torturare. San Mamete alzò gli occhi al cielo, donde gli fu rivolta una voce che molti udirono. Allora fu messo in carcere, dove erano rinchiusi quaranta uomini, torturati dalla fame, in favore dei quali egli pregò. Ed ecco giunse una colomba recando latte e miele, di cui egli si cibò con tutti gli altri. Di notte fuggirono tutti, tranne Mamete. Il governatore lo rimproverò aspramente e lo fece gettare in una fornace, dove stette cinque giorni senza che nulla gli recasse danno; anzi, un angelo conversava con lui, mentre altri gli facevano compagnia. Il governatore parlò nuovamente a lungo con san Mamete. Quindi ordinò che fosse dato in pasto alle belve feroci, ma un’orsa temibilissima lo adorò, mentre una pantera con la lingua ne tergeva il sudore. Nel frattempo, il leone di cui si è detto entrò in città in aiuto del Santo e sbranò un gran numero di pagani nel palazzo. Quindi parlò con san Mamete e col suo permesso se ne andò. Dopo venti giorni presero un altro leone perché divorasse san Mamete. Condotto nel circo, san Mamete pregava Dio. Il leone si accucciò ai piedi del santo, lambendoglieli. A questo punto la gente, credendolo un mago, lo lapidò e se ne andò. Pur essendo stato sommerso dalle pietre, il santo ne uscì illeso. E scesero degli angeli a gioire con lui. Egli disse: “Signore, ti prego di non decidere della loro sorte in base a quanto mi hanno fatto, ma prenditi cura della mia anima in pace”. E la sua anima salì al Signore. I cristiani lo seppellirono. Questo martirio avvenne quindici giorni prima delle calende di settembre, sotto il regno di nostro Signore.

(Traduzione dal latino di Elena Langella)