Inno a San Mamete – Agiografia

Laudem beati martiris
Ad Trinitatis gloriam
Sanctae canamus supplices
Quae dat coronam testibus.

Adversa mundi pertulit
Calcavit ejus prospera.
Mammes Tonanti reddidit
Quod pro reis passus est.

Virtute, vita, moribus,
Sermone jucundissimus
In charitatis gratia
Semper manens ditissimus.

Spernens opes cum casibus
Mundi, supernis institit,
Liber caducis exiit
Nil ambiens ex infimis.

Mitis domans immitia
Illisque promens mystica,
Vivebat inter bestias
Quo cive gaudent angeli.

Adjutus armis spiritus
Vicit furores principum,
Saevi draconis conterens
Sacris caput conatibus.

Te, martyr, ergo quaesumus
Mammes fac poscentibus,
Sacro praecatu protege,
Quos instruis certamine.

Impende curam dapsilis,
Aufer malum placabilis,
Confer bona solatia,
Vitae parando praemia.

Sit Trinitati gloria
Virtus, honor per saecula,
Quae nos beatis martirum
Semper juvet suffragiis. Amen.

Cantiam giulivi e supplici
Lodi all’invitto martire,
A gloria dell’Altissimo
Che in Cielo il coronò.

Nei casi avversi intrepido
Umile fu nei prosperi;
Sostenne i sacrifici,
Che Iddio per noi portò.

Di pregi e virtù splendido,
Amabil nell’eloquio,
Di carità, di grazia,
Sempre fu ricco in cor.

Col guardo ai seggi eterei
Sprezzò gli umani comodi,
Sciolto da bassi vincoli
Vil non ambì tesor.

Immiti cor mitissimo
Domò, lor fatto apostolo;
Viveva tra le bestie
Lui cittadin del Ciel.

Coll’armi dello spirito
Vinse il furor dei principi;
Fiaccato ha il capo a Satana
Con rinascente zel.

A’ tuoi altari supplici,
Noi ti preghiamo, o Martire,
Col tuo pregar deh! reggine
Nella mortal tenzon.

Ricco: tue cure prodiga,
Sperdi ogni mal sollecito;
Ai buoni refrigerio
Prepara il Cielo in don.

Sia gloria all’alta Triade,
Virtude e onor nei secoli;
Sempre per noi dei martiri
Gradisca il supplicar. Così sia.